Scritto da: Redazione - Categorie: news

Gibson ES-135, la semi-hollow di misura media

La Gibson ES-135 è un modello di semi-hollow meno famoso e richiesto di altre sorelle di casa Gibson, ma con grandi pregi e potenzialità


La storia della Gibson Es-135

La Gibson ES-135 è una chitarra elettrica semi-hollow prodotta inizialmente dalla Gibson a partire dal 1956. Nel 1958 la produzione fu sospesa e probabilmente alcuni strumenti già esistenti vennero commercializzate come ES-130. La produzione originale ammontava a 556 strumenti. Dunque stiamo parlando di una chitarra abbastanza rara.
Solo nel 1991, con l'apporto di alcune modifiche, la chitarra fu nuovamente prodotta e commercializzata fino al 2004.

Gibson Es-135 del 1992. Guitarprof blog

Caratteristiche tecniche ed estetiche

La Gibson ES-135 ha una forma simile alla sorella maggiore ES-175. Monta due pickup P-100, speciali evoluzioni del più famoso P-90. Ha due comandi di tono e volume ed il tipico selettore a tre posizioni. Una delle caratteristiche principali della Gibson ES-135 è quella di essere abbastanza larga e profonda, ma non completamente vuota. Contiene infatti un blocco sustain che sopprime il feedback che corre sotto i pickup. A differenza dell'ES-335, il blocco di sostegno dell'ES-135 era inizialmente fatto di legno di balsa piuttosto che di acero. Il corpo, che è spesso circa 6 cm, è di costruzione simile all'ES-335, essendo costruito in acero laminato ma con una tastiera in palissandro. Dal punto di vista estetico presenta un look spartano, con dei semplicissimi dot come segnatasti.
Ponte Tune-o-matic e meccaniche Gibson Deluxe. Molto particolare lo stop-tail a forma di trapezio che resta sospeso.


Modifiche ed utilizzi

Nel corso della sua storia, la Gibson ES-135 è stata adoperata in diversi generi musicali dal Jazz al Blues fino addirittura al Rock, Punk, Alternative e Grunge.
Ricordiamo anche Billie Joe Armstrong dei Green Day tra i possessori di Gibson ES-135.
I P-100, evoluzione dei P-90 con un sistema di riduzione del ronzio, non sono stati sempre apprezzati e talvolta sostituiti con gli humbuckers.Anche lo stop-tail dalla forma trapezoidale, che conferisce alla Gibson ES-135 una certa carica aggressiva alla sonorità, non è sempre stato ben amato dagli utenti. L'operazione di cambio corde è più complessa e serve molta più corda per arrivare ad agganciare lo stop-tail. Tuttavia il suono è decisamente di altissimo livello e questa particolare attenzione di sostituzione viene ripagata in termini di sound.
Negli ultimi anni, il chitarrista Jazz italiano Dario Chiazzolino si è distinto tra i migliori e più interessanti utilizzatori dI meraviglioso strumento.

fine
Redazione - 

Ti è piaciuto l'articolo?

Ancora nessun voto.
Attendi un secondo…
guitar prof Testa e Scritta

© 2024 - guitarprof.it - info@guitarprof.it